”InferNapoli”

Peppe Lanzetta aveva cominciato nei primi anni ’80 a teatro, anticipando i tempi dei tanti attori-autori narratori, proponendo una galleria di ritratti, monologhi, squarci sulla realta’ della sua Napoli rumorosa, sfatta, brutale, ma anche musicale, viva e e piena di rabbia, dedicando quei ”lampi e tuoni dal Bronx napoletano” a Lenny Bruce e a John Belushi. Da allora ha fatto … Continua a leggere