‘Quell’attimo di felicita”

0782b0ac7979d1e75dd8e74cb29b688f.jpgSullo sfondo una Roma ”friccicarella”, scenario ideale per vivere un sogno, e saranno proprio i turisti della capitale ad essere al centro dell’attenzione, quando un nuovo, potenziale, amore sta per essere imbastito in stile vacanze romane. Federico Moccia, l’autore di betseller amati dai giovanissimi (da Tre metri sopra il cielo e Scusa ma ti chiamo amore), e inventore della moda dei lucchetti torna in libreria con un nuovo romanzo ‘Quell’attimo di Felicita”. Lo scrittore sindaco di Rosello (Chieti) da poco piu’ di un anno – , torna a raccontare una storia dove i protagonisti sono ancora una volta ragazzi alle prese con l’amore, l’abbandono, la ricerca di se’, il riscatto.

Per l’occasione, lo staff Mondadori ha organizzato sulla paginaFacebook dedicata (www.facebook.com/quellattimodifelicita) un concorso con premi interessanti soprattutto per i piu’ giovani.

L’invito e’ a usare la tab per creare una cartolina, con l’immagine e la frase che rappresentano un attimo di felicita’. Il nuovo libro di Moccia racconta le peripezie di Nicco, ragazzo, ironico, spiritoso ma ancora toccato dalla morte del padre . Inoltre la sua ragazza decide di lasciarlo. ”Ti devo parlare. Quando ho aperto il telefonino stamattina, c’era scritto solo questo. Non ”buongiorno, amore” non ”buongiornooooooo” come a volte mi scrive Ale nel suo entusiasmo. Ale e’ Alessia, la mia ragazza. Stiamo insieme da un anno e oggi e’ il suo compleanno. Ne fa venti”. Alessia molla Nicco proprio il giorno del suo compleanno dopo aver scartato il regalo con un semplice ”mi dispiace”.

Per lui questo e’ impossibile da accettare: un anno di fidanzamento a suo avviso stupendo cancellato senza nessuna spiegazione. Per fortuna che c’e’ Ciccio, ex compagno di scuola ai tempi del liceo un po’ boro, molto simpatico e pieno di energie, che trascina Nicco per feste, aperitivi e cene. Ciccio non l’ammazza niente e nessuno. Da un anno ama due fidanzate in contemporanea, lavora con internet e smercia musica e film illegalmente. E fa tutto come se fosse la cosa piu’ normale del mondo. E’ uno che si arrangia, ma lo fa alla grande. Non si fa nessun problema a cavalcare le occasioni che la vita gli serve su un piatto d’argento. Nicco al contrario si fa un sacco di problemi ed e’ azzoppato da molti rimpianti. Da quando suo padre non c’e’ piu’ si colpevolizza per tutte le volte che non gli ha detto ti voglio bene. E si da’ dello scemo per tutte le volte che sentiva di amare Alessia, senza mai trovare le parole per dirglielo. Una sera a Roma sbarcano senza preavviso nella sua ammaccata esistenza due turiste americane. Ciccio e Nicco le arpionano come solo gli italiani sanno fare. L’estate, la bellezza e la voglia di vivere un sogno si impossessano delle giornate dei quattro ragazzi offrendo a tutti i protagonisti una chance di felicita’. Riuscira’ Nicco a fare entrare la straniera nel suo cuore? Sara’ capace di chiudersi il passato alle spalle e godersi questo presente? Federico Moccia, racconta insomma quel momento in cui si trova il coraggio per dire ”Ti amo”.

Nel suo ultimo romanzo Moccia si concede una piccola citazione ironizzando su se stesso affidandolo a Ciccio : “Ahò queste si vogliono lucchettare con noi, e vai! Grande Moccia… Stasera si scopa!”…E cosi’ poco dopo siamo a Ponte Milvio. Alcuni ragazzi sono seduti sul parapetto. e’pieno di scritte e birre scolate a meta’. Moccia ha pubblicato ”Tre metri sopra il cielo”, il suo primo libro, a sue spese, nel 1992, con un piccolo editore (Il Ventaglio), ma solo nel 2004 il romanzo diventera’ un successo, riproposto da Feltrinelli. Nel 2006 uscira’ il seguito, ”Ho voglia di te”. Nel 2007, poi, arrivera’ ”Scusa ma ti chiamo amore”, che diventera’ anche film, con Raoul Bova e Michela Quattrociocche. Seguiranno ”Amore 14”, ”Scusa ma ti voglio sposare” e ”L’uomo che non voleva amare” (Rizzoli). Ora il nuovo Romanzo edito da Mondadori. Quell’attimo di Felicita’ dopo i Lucchetti le cartoline.


‘Quell’attimo di felicita”

di Federico Moccia
‘Quell’attimo di felicita”ultima modifica: 2013-08-28T01:14:38+00:00da libriforever
Reposta per primo quest’articolo