‘Scacco allo zar’

'Scacco allo zar'.jpgLa sua fotografia e’ stata un’icona come quella di Carlo Marx e ha occupato le pareti di tutte le sezioni, anche quelle piccolissime. I suoi libri letti dagli intellettuali a Parigi, a Londra, a Berlino ma anche dai campesinos sud-americani, dagli operai delle citta’ operaie europee, dai guerriglieri nella giungla del sud-est asiatico e dell’Africa. In pochi sanno, pero’, che Vladimir Il’ic Ul’janov, meglio conosciuto come Lenin, leader della frazione bolscevica del Partito socialdemocratico e di fatto fondatore dell’Unione Sovietica, ha soggiornato per due periodi a Capri, gia’ all’epoca conosciuta come la ‘Perla del Mediterraneo’.

Ospite dello scrittore Maksim Gor’kij, l’autore della ‘Madre’ e di tanti altri capolavori della letteratura, Lenin arrivo’ a Capri la prima volta il 23 aprile 1908 e la seconda nel giugno del 1910. Gennaro Sangiuliano nel saggio ‘Scacco allo zar’ descrive i soggiorni del capo dei comunisti a Capri, i suoi incontri con gli esuli russi, le discussioni in piazzetta e le partite a scacchi nelle magnifiche residenze di Gor’kij, la pesca con gli isolani ma anche i contatti con l’aristocrazia militare tedesca, portata in vacanza dai Krupp, eredi di Friedrich Alfred Krupp, il potente industriale suicidatosi dopo essere stato travolto da uno scandalo sessuale ed essere stato accusato dalla stampa di rapporti omosessuali con i ragazzi capresi.

Lenin arrivo’ a Capri su invito dell’amico Gor’kij, ufficialmente per un periodo di riposo dopo le tensioni del congresso di Londra, dove aveva fissato la sua egemonia e quella dei bolscevichi sui menscevichi. Scopo della vacanza caprese, pero’, era un’altra: affrontare questioni cruciali che dovevano essere risolte proprio a Capri dove risiedeva Aleksandr Bogdanov, coltissimo e stimatissimo intellettuale che minacciava la leadership di Lenin nel partito. Secondo Bogdanov le masse russe non si esaltavano alle teorie economico-politiche del marxismo ortodosso e per fare scoccare la rivoluzione era necessario sostituire l’utopia di marca scientista con un’altra che avesse come obiettivo la ‘costruzione di Dio’. Una concezione del divino lontana da quella del cristianesimo: invece del Dio cristiano il partito-Dio. Contro queste teorie, Lenin scrisse il libro ‘Materialismo ed empiriocriticismo’.

La seconda visita a Capri avvenne dopo molte insistenze di Gor’kij che sull’isola aveva organizzato con Bogdanov una scuola per gli operai russi. La nuova vacanza di Lenin, che aveva bollato i ‘capresi’ come frazionisti, servi’ forse a dimostrare che, nonostante la scomunica della ‘cricca’, lui rimaneva amico dello scrittore. Con il futuro capo della Rivoluzione arrivo’ anche Iosif Vissarionovic Dzugasvili che, qualche anno dopo, si fara’ chiamare Iosif Stalin. Una presenza che doveva servire a chiarire agli intellettuali della scuola di Capri che non sarebbero state tollerate eresie, inoltre c’era da risolvere una spinosa questione economica legata alla divisione fra le varie fazioni dei proventi delle rapine organizzate proprio da Stalin: somme ingenti che avevano garantito agiatezza ai capi bolscevichi e il controllo politico del partito.

Ma c’e’ di piu’, proprio sull’isola potrebbero essere iniziati quei contatti fra tedeschi e bolscevichi che sfoceranno nei finanziamenti dello Stato maggiore prussiano a Lenin e soprattutto nell’operazione del trasferimento segreto in Russia con un treno piombato per far scoccare la Rivoluzione. A Capri, proprio in quel periodo, infatti, soggiornava dai Krupp anche il futuro feldmaresciallo Paul von Hindenburg. I primi contatti tra bolscevichi e tedeschi, grazie all’intermediazione di Parvus, un personaggio da spy story potrebbero essere iniziati proprio tra la villa di Tiberio, i Giardini di Augusto, villa Krupp, villa Spinola, la piazzetta con uno sguardo ai faraglioni.

visualizza_new.html_130951964.html

‘Scacco allo zar’ultima modifica: 2012-03-20T02:40:00+00:00da libriforever
Reposta per primo quest’articolo