‘Attratto da un insolito sospetto: Australian connection’

Patty Durath CooperIn un castello del Veneto orientale si progetta Vertical City, un’enorme citta’ del futuro interamente sostenibile, che deve essere edificata a Nord di Sydney. Un’oscura serie di omicidi mette pero’ in pericolo la vita di chi lavora al progetto. A raccontare il destino dei protagonisti della storia e le loro emozioni, che si riflettono sul bush australiano e sulla foresta prealpina, e’ la giornalista e scrittrice italo-australiana Patty Durath Cooper nel giallo ‘Attratto da un insolito sospetto: Australian connection’, vincitore della prima edizione del premio ‘Gran Giallo a Castelbrando’ 2010.

La Durath Cooper, che vive fra l’Italia e l’Australia con il marito e i tre figli, spiega in una nota al romanzo che quello che racconta ”e’ tutto vero eccetto la trama” e che ”un primo esempio di Vertical City e’ gia’ stato realizzato a Singapore.

Anche i personaggi sono reali, i loro nomi no”.

Al centro della storia un ingegnere australiano progettista di strutture sostenibili, un imprenditore italiano, un ingegnere nucleare francese e il Gotha dell’architettura mondiale. Mentre il gruppo di esperti sta lavorando al progetto di Vertical City arriva dall’Australia un’oscura serie di omicidi che mette in pericolo la loro vita e scatena una serie di reazioni per cui nessuno si sente piu’ realmente se stesso ed esente da colpe. Anche il detective Francis Haffner ”nonostante ci avesse riflettuto sopra la maggior parte della notte, in cui per il caldo non era riuscito a dormire nemmeno con l’aria condizionata, non trovava un appiglio sicuro sul quale incastrare i suoi tasselli” racconta l’autrice. Il mistero si accompagna con la furia della natura che soffia sui destini di tutti. E nel prologo e’ proprio protagonista la natura: ”guardo gli eucalipti sbucciarsi mentre sconsideratamente crescono fino a venti metri e mi chiedo quale sia il mio posto nel mondo se tutto quello a cui riesco a dare vita si infiamma e sparisce in un lampo, trascinato dalla folle corsa di un vento rabbioso”.

Laureata in chimica farmaceutica in Italia, la Durath Cooper, che ha trascorso l’infanzia in California, nel 1988 e’ diventata responsabile della pubblicazione di lavori scientifici in lingua inglese per una multinazionale farmaceutica. Ha pubblicato articoli su ‘Science e Nature’ e dal 1990 collabora con ‘Il Giornale’ e altri quotidiani.

‘Attratto da un insolito sospetto: Australian connection’ultima modifica: 2011-07-29T15:41:25+00:00da libriforever
Reposta per primo quest’articolo