‘L’Abbraccio’

2010122012554257_20101220[1].jpgUna madre e un figlio si tengono per mano e mentre passeggiano nei campi verso sera la donna spiega al suo bambino perche’ ”ognuno di noi e’ unico”. Libro delicato e raffinato L’abbraccio, di David Grossman, con le illustrazioni minimaliste dell’artista Michal Rovner, e’ la strenna che lo scrittore israeliano regala ai lettori. Con questo racconto sull’amore e la solitudine, destinato ai ragazzi e agli adulti, Grossman ci fa vedere l’autenticita’ dei sentimenti piu’ profondi.

”Io non voglio che al mondo ci sia soltanto uno come me” dice Ben alla mamma che cerca invece di fargli capire quanto sia bello essere ”unico e speciale”. Ma ”cosi’ sono solo!” sottolinea il bambino confessando la sua paura della solitudine. Ben si preoccupa che anche la mamma sia unica e quindi sola e pure la sua cagnetta, Splendida. Arrivato alla conclusione che di ”ogni persona ce n’e’ solo una al mondo”, il bambino si convince che sono tutti soli e non riesce ad accettarlo. Il segreto e’ nell’abbraccio che e’ stato inventato proprio per non sentirsi piu’ soli. ”Se ti abbraccio non sei piu’ solo e nemmeno io sono piu’ sola” gli spiega la mamma. In questo viaggio alla scoperta del significato di un gesto che viene spesso dato per scontato, hanno un valore speciale le immagini in bianco e nero o con una leggera sfumatura di colore dell’artista israeliana Michal Rovner che rendono piu’ intenso il tono poetico di questo racconto.

Grossman, l’autore di Vedi alla voce: amore, che racconta la Shoah con gli occhi e la fantasia di un bambino figlio di sopravvissuti, in tutti i suoi libri approfondisce temi universali. E basta citare, Qualcuno con cui correre e Ci sono bambini a zig zag. Colpisce ancora di piu’ ‘L’abbraccio’ pensando alla morte di suo figlio Uri, nell’estate del 2006 durante la guerra del Libano, mentre Grossman stava scrivendo il romanzo ‘A un cerbiatto somiglia il mio amore’ in cui racconta, con un oscuro presentimento, la paura di una madre di perdere il figlio. Ne L’Abbraccio torna il legame fra madre e figlio con una luce speciale. Questa volta e’ il bambino che ha paura di perdere i suoi punti di riferimento e quell’amore che solo una mamma, in realta’, puo’ dare. Ma l’abbraccio assume alla fine il valore universale di forza che puo’ vincere la solitudine che tutti sentono.

‘L’Abbraccio’ultima modifica: 2011-01-04T00:01:47+00:00da libriforever
Reposta per primo quest’articolo