‘Il gioco delle parti’

0100914142227861_20100914[1].jpgQuando ero piccola e giocavo con le Barbie non le mettevo quasi mai le mutandine. Da fuori sembrava una signora perfetta: tacchi di plastica di buon gusto, vestitino su misura.

Ma sotto era nuda. Adesso lavoro per un’agenzia di prestiti per le cauzioni dei detenuti, come agente di recupero, attivita’, meglio nota come ‘cacciatrice di taglie’. Io sono quella che riporta indietro i fuggitivi, vivi o morti. O almeno ci provo.

Fare l’agente di recupero e’ un po’ come essere una barbie a chiappe nude. Vuol dire avere un segreto. Con ‘Batti il Cinque’, torna in libreria Janet Evanovich con la quinta avventura della cacciatrice di taglie piu’ sexy e famosa d’America, Stephanie Plum: Cinquanta milioni di copie vendute, uno straordinario successo del passaparola.

Lo zio della protagonista, Fred detto il tirchio e’ scomparso e Nonna Mazur pensa che sia esattamente colpa degli alieni, scesi fin giu’ per rapirlo e farci chissa’ cosa. Unico indizio: problemi con l’azienda che si occupa della raccolta dei rifiuti.

Non che zia Mabel sia particolarmente addolorata della scomparsa del marito, ma quello che potrebbe sembrare solo un disguido amministrativo si trasforma ben presto in una faccenda piuttosto seria, almeno da giudicare dalle foto inquietanti che Fred nascondeva in un cassetto: ”Guardai la prima foto per almeno trenta secondi prima di capire che cosa stessi vedendo. Era uno scatto all’ombra e sottoesposto. L’immagine era occupata da un sacco nero di plastica della spazzatura e al centro c’era una mano sanguinante, mozzata al polso. Guardai le altre foto. Tutte simili. In qualcuna il sacco era piu’ aperto e si vedevano altre parti di un corpo. Qualcosa che sembrava uno stinco, forse una parte del tronco e probabilmente una nuca. Non si capiva se fosse un uomo o una donna. Rimasi senza fiato dallo shock.

Sentivo una specie di ronzio nella testa. Non volevo rovinare la mia immagine di cacciatrice di taglie e crollare svenuta sul pavimento, per cui mi concentrai sulla respirazione. Mabel scosse la testa. ”Non so cosa ci facessero nella scrivania di Fred. Perche’ qualcuno dovrebbe avere foto del genere?”. Questa volta Steph e’ spalleggiata da Randy Briggs, nano programmatore di computer, e tallonata da un oscuro angelo custode, Bunchy, sedicente allibratore a caccia, pure lui, di Fred. Persino Joe Morelli, poliziotto e fidanzato storico della nostra eroina, sembra avere qualcosa da nascondere.

Naturalmente, per condire il tutto, ci sono due uomini che cercano di portarsela a letto e lei deve pensare a cosa mettersi in vista di un importante matrimonio di una famiglia mafiosa. Un intrigo eccezionale, fra sparatorie, una serie di strani suicidi e un pugile maniaco che attenta alla sua vita, Sthephanie deve affrontare, oltre ai consueti problemi di capelli e di linea, le spericolate inIziative di nonna Mazur. I colpi di scena sono abbondanti e spassosi. Evanovich riesce a tenerti col fiato in sospeso per tutto il libro. La storia non si dipana fino alle ultime pagine del libro, e quando lo fa, succede cosi’ in fretta che non si può credere a quello che si ha appena letto.

‘Il gioco delle parti’ultima modifica: 2010-09-20T14:04:07+00:00da libriforever
Reposta per primo quest’articolo