Le maschere della notte

0100716141023499_20100716[1].jpgIl ‘Simenon fiammingo’ Pieter Aspe e’ uno scrittore fuori dagli schemi come il commissario Van In, protagonista della sua lunga serie di gialli molto apprezzati da qualche anno anche in Italia, dove e’ appena uscita la terza inchiesta. Dopo ‘Il quadrato della vendetta’ che da noi ha venduto oltre 50 mila copie e Caos a Bruges, 20 mila copie in pochi mesi, arriva ora ‘Le maschere della notte’ che si apre con le urla di una bambina terrorizzata per aver trovato uno scheletro umano nel giardino del villino della periferia chic della misteriosa Bruges in cui sono ambientati tutti i libri di Aspe. Van In scopre che la casa in cui abita la bambina era stata un bordello di lusso, il Love, e che la vittima trovata nel giardino aveva avuto un intervento di chirurgia plastica. La soluzione del caso ruota attorno a pedofilia, prostituzione, corruzione e giochi sessuali al limite del lecito. ”Questo libro e’ uscito in Belgio qualche mese prima che catturassero, nel 1996, il pedofilo Marc Dutroux, noto come ‘il mostro di Marcinelle’ che uccideva le bambine e le nascondeva nelle cantine. E’ stata una coincidenza. Gli argomenti che affronto come la pedofilia, i giochi sessuali, la corruzione politica sono forti e sono tornati attualmente in primo piano ma sono temi universali, non c’e’ un tempo per queste cose”, spiega Aspe, pseudonimo di Pieter Aspeslag, 57 anni, in questi giorni a Roma. Malinconico e irascibile, sempre in bolletta, amante dell’arte, dei sigari, della birra e delle belle donne, Van In, racconta Aspe, ”e’ un personaggio che ha vissuto gli anni Sessanta, ha la mia stessa eta’. Era il momento in cui ci si ribellava a tutto, al sistema. Ho voluto farne una figura ribelle anche con il passare degli anni. Molti invece si sono integrati, Van In no, resta in rivolta con il sistema”. Sempre forte la passione per il sostituto procuratore Hannelore Martens, che in questo giallo aspetta un figlio dal commissario e continua ad affiancarlo nelle indagini, senza riposare un attimo. C’e’ anche la giovane poliziotta Carine Neels a cui Van In non rimane indifferente. ”Le donne – racconta lo scrittore – sono la tentazione universale, ma Van In rimane in piedi, non si lascia andare. Nella vita reale invece non e’ sempre cosi”’. Sorpreso del successo avuto – oltre che in Belgio in Olanda, dove la serie di 27 libri ha venduto oltre un milione e seicentomila copie, ha ispirato undici film e cinque serie tv – anche negli altri paesi europei, Aspe spiega: ”Per un autore fiammingo non e’ facile essere tradotto. C’e’ voluta la traduzione tedesca, poi quella francese prima della italiana”.
Orgoglioso di essere paragonato a Simenon dice che ”Maigret e Van In hanno qualcosa in comune: non c’e’ tanta violenza, c’e’ una vita familiare, sono personaggi di grande umanita’ ma per il resto ognuno va per la sua strada”. Fra gli autori preferiti di Aspe: Camus, Roald Dahl, Machiavelli e il suo ‘Principe’ ”che tutti dovrebbero leggere”, Kafka, ma il libro ”piu’ grande e’ l’Odissea”. ”Ho sempre amato gli scrittori , ho letto molto” racconta, eppure la scelta di scrivere e’ arrivata a 40 anni, dopo aver fatto i piu’ strani lavori, dal precettore al fotografo, al commerciante di vini. ”L’ultimo e’ stato il custode della Basilica del Sacro Sangue a Bruges. Mi sono detto ‘non posso stare qui per altri 25 anni ad aprire e chiudere la porta. Bisogna fare qualcos’altro, una cosa disperata e quando si inizia bisogna continuare’. Ho iniziato a scrivere e temevo che il mio primo libro non avrebbe avuto successo ma ero tranquillo perche’ la cosa importante era averci provato”. I gialli piacciono, secondo Aspe, ”perche’ viviamo in una societa’ violenta ed egoista e preferiamo vivere le cose forti della vita attraverso il filtro del romanzo”. In particolare hanno ultimamente successo i noir dei paesi nordici ”perche’ sono scritti bene, ma gli autori scandinavi sono troppo pessimisti”. La prossima indagine di Van In riguardera’ i pellegrinaggi a Santiago de Compostela.

Le maschere della notteultima modifica: 2010-08-12T00:19:38+00:00da libriforever
Reposta per primo quest’articolo